Jacko il Re del Pop

Michael Jackson“Crea un posto migliore per te, per me e per l’umanità intera”. Questi sono i versi tradotti di una canzone divenuta in breve  tempo famosa nel mondo. La canzone in questione è Heal the world di Michael Jackson.

Una carriera iniziata a 5 anni quella di Michael, l’ingresso nei Guinnes dei primati nei primi anni 80 grazie a Thriller, album che vanta il maggior numero di vendite nella storia della musica, la stella della Walk of Fame di Hollywood a lui dedicata, l’incisione di un singolo a scopo benefico What More Can I Give”, la rielaborazione e il perfezionamento del moonwalk (camminata sulla luna) il passo di danza che lo ha reso celebre in tutto il mondo, un mandato d’arresto per abusi sessuali su minori, lo svolgimento di un processo e  l’assoluzione del cantante. E ancora, la registrazione di Living with Michael Jackson, un documentario in cui Michael ha ripercorso le tappe più significative della sua vita. L’ingresso nella rock & Roll hall of fame per ben due volte, sia con il gruppo Jackson five, sia da solista. Oltre 750 milioni di dischi venduti, protagonista del video Scream, il video più costoso mai realizzato. Scrittore e compositore dei testi, della musica e degli arrangiamenti di alcune sue canzoni. Michael suonava la batteria, il pianoforte e il basso. Un tour che sarebbe iniziato il mese prossimo, i biglietti subito esauriti, perché i suoi fans, quelli veri, non l’hanno mai abbandonato.

Una turbolenta vita privata caratterizzata dalla volontà di sbiancare il colore della propria pelle, anche se c’è chi parla di una malattia di cui il cantante soffrisse, la vitiligine. La leggenda metropolitana secondo cui Michael dormisse all’interno di una camera iperbarica. Diverse operazioni chirurgiche. Due matrimoni, padre di tre bimbi, il difficile rapporto con i propri fratelli, il suo sentirsi Peter Pan, forse, per recuperare un’infanzia mai avuta. Debiti per oltre 400 milioni di dollari.

Michael è stato tutto questo ed altro ancora. Il grande Michael Jackson, icona della musica internazionale è morto alle 21.21 ora italiana di giovedì 25 giugno a Los Angeles. Il decesso non è giunto a causa di un arresto cardiaco come si era ipotizzato nelle prime ore, ma probabilmente per una dose eccessiva d farmaci. Michael era nato il 29 agosto di cinquant’anni fa nella città di Gary.  La notizia del decesso, ha fatto in pochi minuti il giro del mondo e sono  molte le testimonianze di affetto dai colleghi dello spettacolo e da chi gli ha voluto bene: sua sorella Janet confida la devastazione dovuta da questa perdita improvvisa, Liz Taylor grande amica da sempre di Michael non ha parole, Madonna confida di non riuscire a smettere di piangere, un altro grande della musica Elton John appena appresa la notizia gli ha dedicato il brano: Don’t let the sun go down on me. (Non lasciare che il sole tramonti su di me).

Tantissimi in rete i messaggi per ricordare Michael, messaggi che rappresentano una chiara testimonianza d’affetto nei suoi confronti. Mito di diverse generazioni, i suoi fans non riescono ad accettare questa triste realtà, le sue canzoni hanno fatto innamorare, sorridere, divertire, hanno portato molti ad amare il ballo. Michael poteva piacere o no, si poteva essere suoi fan o scegliere un altro idolo, si potevano condividere le sue “stranezze” o meno, si poteva essere dalla sua parte o scegliere un’altra direzione, poteva esserci simpatico o antipatico, ma di certo non si poteva affermare che questa star cresciuta troppo in fretta non fosse un genio della musica. E se è vero che non potremmo più assistere a nuove performance possiamo, comunque, continuare ad emozionarci  e sognare con le registrazioni che Michael ci ha lasciato e che ci  hanno accompagnato per tutti questi anni. E che fanno di lui uno di quegli artisti che nascono una volta ogni 100 anni, e di cui sarà difficile se non impossibile ricalcarne le ombre.

Ciao Jacko…

Link Consigliati:

Annunci

Pubblicato da

Francesca S.

“ Fate come gli alberi: cambiate le foglie e conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee ma conservate i vostri principi". Victor Hugo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...