La Prostituzione e L’ipocrisia Comune

ECCO PERCHE’ LA “REGOLAMENTAZIONE” E’ L’UNICA PROSPETTIVA POSSIBILE.


Prostituzione In Italia
I NUMERI DEL “MERCATO DEL SESSO” IN ITALIA:
Secondo i dati resi pubblici nel corso dell’ultimo Convegno della Caritas (svoltosi nel 2008, in occasione del 50° anniversario della legge Merlin n.75 del 1958):

– in Italia operano non meno di “70 mila prostitute” (non solo donne, anche uomini e transex);

-di queste, circa il 50% sono straniere (provenienti da ben 60 paesi diversi: nigeriane, albanesi, polacche e bielorusse soprattutto) ed il 20% minorenni;

– le donne che si prostituiscono in strada sono circa 30.000: le restanti esercitano la “professione” in casa o in locali privati;

– solo il 20% (secondo altri dati addirittura il 10%) di chi si prostituisce è vittima del racket (generalmente straniera, si tratta di donne condotte in Italia con il miraggio di un lavoro dignitoso per poi, sequestrati i documenti, essere costrette a prostituirsi attraverso violenze e minacce, rivolte anche a parenti, genitori o figli rimasti in patria);

– sono “9 milioni” i clienti (di cui ben l’80% richiede rapporti “non protetti”);

– per un giro d’affari che si aggira attorno ai 90 milioni di euro al mese (oltre un miliardo l’anno!).

UN DIVERSO APPROCCIO AL FENOMENO DELLA PROSTITUZIONE

PRIMO: PERCHE’ NON CONSENTIRE LA PROSTITUZIONE “LIBERA E VOLONTARIA”?

Accanto alla prostituzione “coatta” (che costituirebbe non più del 20% delle 70.000 prostitute che operano in Italia, secondo i dati forniti da organizzazioni come il Censis ed il Parsec) esiste anche una prostituzione “volontaria”; la “non prevalenza” della costrizione nella prostituzione, del resto, è stata affermata anche dall’Osservatorio sulla Prostituzione del Ministero dell’Interno (composto da molte tra le più reputate organizzazioni di assistenza).

Ciò comporta il dovere di riconoscere e rispettare pienamente la “libertà di espressione sessuale” di ogni persona, finanche se quest’ultima scelga di prostituirsi! “Vendere” il proprio corpo rientra -piaccia o non piaccia- tra quelle libertà personali garantite dalla Costituzione (art. 13) e meritevoli “sempre” di tutela nei limiti in cui non incidano sulla “pari libertà” degli altri!

Perché, allora, non tollerare (e regolamentare) la “libera e consapevole” scelta di un soggetto maggiorenne (uomo o donna che sia) di concedere prestazioni sessuali dietro controprestazione?

Una “parziale legalizzazione” della attività di meretricio perseguirebbe un duplice obiettivo:

  1. far emergere la prostituzione “volontaria” (sull’esempio di quanto avvenuto in altri paesi europei, dove questa ha trovato forme legali di svolgimento, minimizzando i costi che ricadono sulla società e sulle persone che svolgono l’attività);
  2. e perseguire più efficacemente la prostituzione “coatta”, ossia il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione (concentrando gli sforzi dell’apparato repressivo dello Stato sul contrasto agli sfruttatori).
Annunci

Pubblicato da

Gaspare Serra

“LIBERO PENSATORE”: politicamente “APOLIDE DI SINISTRA” (laico, libertario e progressista), SPIRITUALMENTE "AGNOSTICO” (antidogmatico ed umanista). “WEB ATTIVISTA”, FREELANCE E OPINION BLOGGER, in particolare, sono AUTORE DEL BLOG “PANTA REI” (http://gaspareserra.blogspot.com), spazio d’analisi e riflessione laico, progressista, riformista, liberale, libertario, antiproibizionista, antidogmatico, legalitario, egualitario, umanista, pacifista, internazionalista, nonviolento, gandhiano, antirazzista, femminista, ecologista, animalista, culturale e poetico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...