La magia del disincanto

NapoleoneLa magia del disincanto. Quanto serve nel quotidiano non cullarsi in aspettative? Varie esperienze filosofiche ci insegnano che la principale causa d’infelicità risiede nei nostri intimi o palesi desideri, il non appagamento dei quali non può che provocare malesseri e sensi d’inadeguatezza, e la parentela con “il male oscuro” della depressione è evidente nella parte causa – effetto della malattia (esiste una parte assai più oscura che non ha nessi causali). Il controllabile, in linea teorica, può darci un miglioramento sensibile nel quotidiano. Controllare ciò che deforma il nostro “animo”, che dovrebbe bastare a se stesso, impedendo a ciò che non abbiamo e a ciò che vorremmo, di deformarlo con porte che si aprono e chiudono tramite desideri e delusioni conseguenti. Arthur Schopenhauer elogiava la solitudine, un uomo “ricco” è quello che basta a se stesso diceva.

Ma l’uomo non è fatto di solitudine né per la solitudine; quindi ricerca negli altri e nel materialismo, spesso superfluo, di compensare se stesso e persino di compensare il suo prossimo. Tuttavia, credo che la qualità delle aspettative sia fondamentale per rendere almeno più tollerabile la vita; quindi niente “estremo” di Schopenhauer e niente “estremo” , consueto, di massa: la nostra intima selezione, viscerale e mentale, unita all’ umiltà delle nostre aspettative, non può che portare a quel distacco positivo verso tutto ciò che ci circonda e influenza il nostro” modus vivendi” spesso negativamente. In migliaia d’anni di storia si sono sviluppate queste teorie con le più varie interpretazioni e diversificazioni, con megatonnellate d’inchiostro e libri, chilometriche pellicole per i mass media, e dibattiti infiniti: bastava e basta, ricordarsi di Napoleone, che il mattino del 18 giugno 1815 disse: “Stanotte dormiremo a Bruxelles”. Invece, venne Waterloo. E molti di noi hanno la sindrome del “piccolo Napoleone” che è sicuro di dormire a Bruxelles, e questo è un bel guaio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...