Una notte ho sognato che parlavi, bel libro di Gianluca Nicoletti

una_notte_ho_sognato_che_parlavi_mondoliberoQuando ho visto questa copertina, in biblioteca, mi ha colpito. Come spesso faccio ho dato un’occhio alla seconda e “terza” di copertina, dove ho letto dell’autore del libro Gianluca Nicoletti – giornalista. Ha scritto tra gli altri testi, questo anche mi colpisce come “tecnico”,  “Perchè la tecnologia ci rende umani”.

Ma torniamo a questo “Una notte ho sognato che parlavi“. Un racconto della propria vita con il figlio Tommy, autistico, fatto di ricordi e sensazioni mai “sdolcinate”, anzi schiette e “fisico” come è  un rapporto familiare.

Riflettevo poi oggi sul fatto che quando inizio il libro che inizia a piacermi (accade diverse volte, diciamolo, rispetto ai libri che valuto di leggere…sarà che non scelgo libri “alla leggera”-a caso) inizio a segnare con segnalibro o parti di foglio pagine che mi colpiscono per frasi o spunti. Mi accorgo che un libro mi ha colpito quando continuo a leggerlo d’istinto volentieri … ma anche quando noto una quantità immane di foglietti e segnalibro inseriti già durante la lettura o alla fine della stessa.

E’ questo, lo avrete intuito, il caso di questo libro; una ventina di pagine segnate “ad occhio e croce”. Dato che parlando di un libro mi piace farne citazioni devo gioco-forza ridurne il numero (e non è la prima volta che mi capita, diciamolo🙂 ).

Ma vado con alcune citazioni, partendo da pag. 36:

“Il suo istruttore di piscina una volta ci disse: “Se vi doveste trovare un giorno in alto mare e in difficoltà, attaccatevi tutti e tre a Tommy, di sicuro vi salvereste”. Non ho difficoltà a crederlo, Tommy è capace di stare ore in piscina; in mare ci sta meno volentieri perchè teme i pesci e non gradisce il contatto con le alghe o il fondo marino. Ma è straordinario vederlo “camminare” in acqua: in sostanza galleggia in modo spontaneo anche stando fermo e perfettamente verticale. Può incrociare le gambe in posizione yoga e stare sospeso a mezz’acqua, o andare sotto senza difficoltà…Ma non ha voglia di nuotare. Per quanto ci si sia sforzati per anni, non siamo riusciti a farlo muovere con metodo, come tutti gli altri, insomma. Lui ride, sputa acqua come un balenottero, s’inabissa, fa un sonnellino sulla schiena, fa vasche su vasche, ma ancora non ho capito come faccia a muoversi… Solo l’ultima estate, di nuovo in Sardegna (che per lui è probabilmente una terra di grazia), sono riuscito a farlo nuotare quasi a rana. Proprio io che nuoto come un alpino, alla faccia di veterani istruttori che inutilmente ci hanno tentato per anni in piscina. All’improvviso si è messo a dar bracciate, e l’ho visto allontanarsi velocissimo verso il largo. Se non fosse così matto andrebbe alle Olimpiadi, ne sono sicuro”.

Andando a pag. 50…

Non sono convinto che l’autistico sia infelice, questo di lui si pensa solo perché non si pone un grosso problema di quello che faccia il resto del mondo e sorride poco. Io so che mio figlio è felice quando mi accarezza la nuca senza motivi apparenti. Me ne accorgo quando si stende sui cuscinoni e può guardarsi in pace tutti i video di Youtube che crede, senza il fratello che gli si mette accanto per imporgli quelli che piacciono a lui.

Tommy è sereno quando sente affetto che non chiede verifica o risposta. Non mi sembra poco. Potessimo tutti sentirci amati senza dover necessariamente corrispondere, saremmo visceralmente appagati anche di una carezza…

Una lettura “forte”…che consiglio.

Buona vita.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...