Questa sera lun. 2 settembre su Rai1 ore 21.25 il film tratto dall’omonimo romanzo “Io che amo solo te”


Tratto dall’omonimo bel romanzo di Luca Bianchini (che peraltro consiglio – come già fatto nel mio articolo sopra “linkato-collegato” per quanto i libri siano come sempre “soggettivi”), questa sera su Rai1 ore 21.25 previsto il film “Io che amo solo te con tra gli altri Riccardo Scamarcio, Michele Placido, Laura Chiatti, Luciana Litizzetto senza dimenticare la colonna sonora con la voce di Alessandra Amoroso.

Trailer e clip mostrati in articolo.

La canzone del titolo “nasce” dalla canzone-capolavoro  nota storicamente con la voce di Sergio Endrigo

anche se sono noti nel tempo omaggi-cover come quello di Fiorella Mannoia o appunto quello di Alessandra Amoroso.

Buona vita.

 

L’INTELLIGENZA EMOTIVA DI GOLEMAN


Accanto alla più nota definizione di intelligenza, intesa come quel complesso di facoltà emotive e/o cognitive grazie a cui l’uomo può far fronte a situazioni nuove e complesse, esiste un altro tipo di intelligenza altrettanto importante: la c.d. intelligenza emotiva.

Lo psicologo Daniel Goleman così descrive tale realtà: “Abbiamo due menti, una che pensa, l’altra che sente. Queste due modalità della conoscenza, così fondamentalmente diverse, interagiscono per costruire la nostra vita mentale.”

Fu proprio lui che per primo formulò il costrutto di I.E., intesa come attitudine che prevede il corretto e funzionale uso delle emozioni. Lo psicologo statunitense nel suo “Emotional Intelligence” del 1995 attribuisce all’I.E. la capacità di riconoscere/gestire emozioni/sentimenti propri ed altrui e la capacità altresì di motivare se stessi.

Non esistono emozioni negative o positive a priori, è piuttosto la modalità in cui vengono gestite a renderle tali. È importante dunque riuscire a trovare piena armonia tra pensiero e sentimento, tra la dimensione mentale e quella affettiva.
Per tale ragione Goleman distingue due tipi di competenze: quella intrapersonale, legata al modo in cui controlliamo noi stessi e quella interpersonale o sociale, che si raggiunge usando coerentemente un insieme di abilità relazionali che permettono la corretta e proficua interazione con gli altri.
Nella sua opera più famosa Goleman riconosce e sottolinea l’importanza di sviluppare al meglio cinque abilità:

– la conoscenza o consapevolezza di sé, ovvero non essere riluttanti nell’esprimere il proprio stato emotivo con risolutezza ed assertività, essere consci delle proprie abilità, avere fiducia nelle proprie capacità ed accogliere al tempo stesso i propri limiti e le critiche costruttive al fine di migliorarsi e realizzarsi;
– l’autoregolamentazione, controllare cioè in modo appropriato le emozioni forti e gestire al meglio scompigli e difficoltà, essere trasparenti con gli altri;
– l’empatia, la capacità secondo le neuroscienze, di percepire all’istante i processi psichici dell’altro;
– la motivazione, la ricerca dentro noi stessi di stimoli e ragioni per raggiungere i propri obiettivi;
– le competenze sociali, cioè una corretta gestione delle emozioni che si ottiene attraverso una adeguata lettura delle situazioni sociali. Ciò rende possibile una migliore gestione dei conflitti, dei diverbi comunicativi, ecc.

È bene sviluppare tali abilità per accrescere la nostra intelligenza emotiva, seguendo un percorso che lascia spazio alla gestione e comprensione delle nostre ed altrui emozioni. Bisogna educare la nostra mente ascoltando il nostro interlocutore senza pregiudizi o vincoli, accettando l’idea che le emozioni sono parte di noi e bloccando ogni pensiero irrazionale che ostacola il nostro sviluppo emotivo e relazionale. Occorre inoltre, prestare attenzione anche alla comunicazione non verbale, utilissima per captare quelle che potremmo definire “emozioni e stati d’animo silenziosi”.

Attraverso un’educazione emozionale basata sull’ascolto e sulla comprensione delle proprie sensazioni e di coloro con cui interagiamo, le persone acquistano una certa competenza sul piano emozionale. Ciò porterà gli individui, come sostiene Goleman, ad essere “avvantaggiate in tutti i campi della vita, sia nelle relazioni intime che nel cogliere le regole implicite che portano al successo politico.”

Photo by anonimoa – Flickr.com

 

Fino a oggi domenica 28 ottobre #ioleggoperché – Dona un libro a una biblioteca di una scuola in Libreria


Termina oggi Ioleggoperché, per donare un libro alla Biblioteca scolastica della propria città con scelta del libro, della scuola stessa (della propria città) e della possibile dedica.

Io ho scelto tra i proposti “Un elefante in giardino” di Michael Morpurgo per la scuola Lorenzini di Jesi.

Leggere ci migliora, fa bene. E per ogni libro scelto gli editori ne doneranno altro:

Buona vita.

 

“Amore assoluto”, nuovo episodio tv de “Il Commissario Montalbano” oggi


Ritorna oggi in tv (alle 21.25 su Rai 1) dopo il primo nouvo episodio “La giostra degli scambi” Il Commissario Montalbano con un nuovo episodio, “Amore assoluto” (sopra una clip video tratta dal canale youtube RadioColonna).

In realtà Vigata ritornerà questi giorni in tv in un romanzo “storico”, ma su questo magari ritorneremo.

Un importante appuntamento oggi quindi per gli appassionati del Commissario di Vigata interpretato da Luca Zingaretti…o per conoscerlo/vedere nuovi episodi (consigliato).

Buona vita.

 

“La giostra degli scambi”, nuovo episodio tv de “Il Commissario Montalbano” oggi


Ritorna oggi in tv (alle 21.25 su Rai 1) Il Commissario Montalbano con un nuovo episodio, “La giostra degli scambi” (sopra una clip video tratta dal canale youtube RadioColonna).

Il film è tratto da relativo Romanzo di Andrea Camilleri, Casa Editrice Sellerio.

Un importante appuntamento per gli appassionati del Commissario di Vigata interpretato da Luca Zingaretti…o per conoscerlo/vedere nuovi episodi (consigliato).

Buona vita.

 

“Quella notte sono io”, bel romanzo su normalità-diritto di essere diversi


A Stefano arriva un telegramma, che lo riporta indietro di 27 anni: l’invito della madre di un suo ex-compagno di scuola “per la lettura di un documento che la riguarda“. Il tutto firmato Elena Calati.

Stefano la ricorda bene Elena, la mamma di Mirko. Un appuntamento insieme anche agli altri compagni di Mirko (troverà altre 4 macchine parcheggiate nel Casale), quel compagno che in una maledetta gita aveva “pagato” il suo essere diverso.

La mamma di Mirko li ha invitati in quel pomeriggio, un momento che – comunque temuto – sarà anche più lungo del previsto.

Un breve romanzo (l’ho letto in un paio di fine pomeriggio di inizio primavera) che tocca il tema importantissimo del diritto ad essere diversi. Viene trasmesso anche secondo me la “diversità” come percezione di verità diverse, perché Stefano ad esempio si renderà conto di non aver saputo tutto, a suo tempo. Un libro che fa anche riflettere secondo me anche sugli effetti delle proprie azioni, sempre e comunque, su di noi e sugli altri.

Non dico altro…sia perché descrivere un libro è sempre e comunque soggettivo…sia per lasciare a voi la lettura e l’interpretazione di questo bel romanzo di Giovanni Floris.

Riporto, questo si, un paio di citazioni. A pagina 23 si parla del loro arriva nella casa dove li aspetta la mamma di Mirko:

E poi finalmente il volto che si fa fatica a riconoscere. Mi rendo conto che l’ho tenuta apposta per ultima, come se mi facesse più paura, o mi desse più speranza. Margherita dimostra tutti i suoi quarantasette anni. Un bel pò sovrappeso, trucco leggero e frettoloso, vestiti da poco. Era una corsara, ma ha l’aria di aver ormeggiato la nave pirata da tempo. Sorride, di una dolcezza triste, che mai mi sarei sognato di vedere apparire sul suo viso. “Ciao, Stefano”. Poi torna a parlare al telefonino, con qualcuno che non trova qualcosa a casa. Scommetterei su un figlio o una figlia adolescente.

<Ciao Marghe> dico piano.

Abbiamo tutti paura di sentirci dire perché siamo stati riuniti.

A pag. 28 si parla proprio di Mirko:

Una volta Germano e Lucio lo chiusero nell’archivio della scuola e se la filarono, semplicemente. Nessuno andava mai in archivio, e ci divertimmo a fare ipotesi su quando gli archeologi del futuro lo avrebbero ritrovato mummificato. Lucio ci faceva morire dal ridere con quella scena da fantascienza, gli archeologi perplessi che cercavano di spiegarsi la pettinatura di Mirko a distanza di tremila anni, e concludevano che forse era l’adepto di un culto misterioso.

Chiudo con la frase che viene riportata in “quarta di copertina” (il retro del libro):

Le persone normali si difendono. Quando vedono qualcosa che non vogliono vedere, fanno finta di niente. Ma la cosa resta là, e ti guarda, aspettando che tu ti renda conto che dalla verità non c’è scampo.

Un piccolo romanzo su tutti noi che consiglio.

Buona lettura…e buona vita.

Nel 1827 – il 26 marzo – moriva Ludwig Van Beethoven


Questo video del canale youtube Ability Channel  sopra riportato sintetizza alcuni punti della vita compositore Ludwig Van Beethoven morto a 56 anni il 26 marzo del 1827; della sua storia tra gli altri aspetti – come la progressiva sordità che gli creò comprensibili crescenti difficoltà – mi ha sempre colpito il significato del suo cognome: “dall’orto delle barbabietole”.

Moltissimi i pezzi da lui scritti; tra quelli che preferisco da sempre “Moonlight (o “Alla luna”),  “Per Elisa”, e diverse alcune sinfonie, alcune delle quali sono accennate in questo video del canale youtube Il colore dei pensieri sotto riportato:

In quest’altro video, ad esempio, una bella interpretazione dell’Adagio Cantabile dalla Sonata Pathétique No. 8, op. 13 di Yundi.

Brani come “Moonlight” sono stati anche rielaborati-riarrangiati da artisti nel tempo, ad esempio da “The Piano Guys” come riportato in questo precedente articolo.

Approfondimenti – che vi consiglio – sui numerosi testi, come “Beethoven e il suo Tempo” di Carl Dahlhaus, sui numerosi libri disponibili su Biblioteche (il catalogo nazionale SBN ne riporta ad oggi 6819 con il suo nome nel titolo) e librerie…e su pagine come quella dedicata da Wikipedia.

Buona vita.