Creare e Gestire un Blog: Tutti gli Strumenti Necessari per Iniziare Bene


Su internet esistono tante guide che spiegano come creare un blog, di ogni tipo e con idee sempre molto interessanti. Io con questa guida voglio aggiungermi all’elenco, sperando di fornire qualche idea diversa ed interessante. La guida sarà principalmente basata sul CMS WordPress, perchè è quello che penso di conoscere meglio e che considero tra i migliori.

Creare e Gestire un Blog

Di cosa avete bisogno per creare un blog?

Partiamo con il dire che esistono molti siti dove è possibile creare il proprio blog del tutto gratuitamente. Lo svantaggio di utilizzare questi servizi gratuiti sarà l’indirizzo del proprio blog, che conterrà anche il nome del sito che vi offre la possibilità di creare il blog gratuito. Questo blog ad esempio è creato utilizzando il servizio gratuito offerto da wordpress.com ed infatti l’indirizzo del blog è mondolibero.wordpress.com. A mio avviso, per un neofita del mondo del blogging, la pecca di avere un indirizzo non del tutto personale è bilanciata dal fatto di avere a disposizione uno strumento già testato e sempre aggiornato da persone esperte.

Ecco alcuni dei servizi che offrono la possibilità di creare un blog gratuito:

Questi servizi possono andare bene per iniziare ad avventurarsi nel mondo dei blog, però con il tempo vi accorgerete che è meglio possedere un dominio proprio perchè avrete voglia di personalizzare sempre più il vostro blog.

La prima cosa di cui avrete bisogno è un servizio di hosting che supporti il linguaggio php. Acquistato questo, ormai si trovano a prezzi abbordabilissimi, possiamo procedere ad installare il CMS, che come dicevo nell’introduzione della guida, in questo caso sarà WordPress. Questo CMS è costantemente aggiornato, l’ultima versione al momento disponibile è la 2.3.3 in Italiano:

Scaricare WordPress(Scarica)

Continuate a Leggere

Annunci

Catene Email: Regole da Seguire Se Volete Inviare una Mail


Da quando l’e-mail è diventato uno strumento alla portata di tutti viene utilizzato per gli scopi più vari, tra cui anche scambiarsi storie e frasi divertenti, racconti commoventi e altro. La maggior parte delle persone che ricevono qualcosa di divertente, hanno il desiderio di inviarlo anche ai propri amici e questi a loro volta lo faranno, finendo per formare le cosiddette ‘catene’. Purtroppo però non tutti sanno come utilizzare bene questo strumento messo a loro disposizione e finiscono per far girare delle mail contenenti una miriade di indirizzi e-mail personali con relativi Nomi e Cognomi dei proprietari.

Ecco un esempio di mail di questo genere:

Catene Mail Esempio
(Le e-mail sono state sfocate per motivi di privacy)

Un mio amico, qualche giorno fa, stanco di vedere la sua mail girare in catene infinite, ha deciso di avvisare tutti suoi amici con questa mail:

Ciao...by http://www.mondofree.it
Questa è un' e-mail non direttamente rivolta a te...
Chiedo cortesemente che le varie catene e compagnia bella, mi siano inviate per farmi 2 risate ma con il mio indirizzo nello spazio CCN in modo tale che questo non compaia nella lista di chi riceve la stessa mail, evitando:
1)Che il mio indirizzo e-mail faccia il giro del mondo,
2)E-mail "spazzatura",
3)Persone di cui ignoro l'esistenza e non hanno nulla a che fare con me, "e con te", che mi aggiungono su windows live messenger, ecc... ecc...
Sembrerà che questa e-mail l'ho inviata solo a te se vedi in alto... ma in realtà l' ho mandata a tutti i miei contatti, non compaiono nella lista perchè gli ho inseriti nello spazio Ccn.
P.S. Applicate anche voi questa regola... è un mio consiglio.
Se volete riutilizzare questa e-mail non selezionate inoltra!, altrimenti si genererà una nuova catena con il mio e il tuo indirizzo e-mail; per inviarla copia il testo ed incollalo su un nuovo messaggio...

“Non dimenticare di inserire gli indirizzi nel campo Ccn però!”

Inviatela anche voi ai vostri amici, vedrete che qualcosa cambierà, o almeno lo si spera. Voi cosa ne pensate?

Giochi: Controlla se puoi Usarli sul tuo Pc Prima di Acquistarli


Prima di acquistare un gioco nuovo per il proprio pc conviene sempre verificare che si riesca a farlo girare. Per fare una verifica prima dell’acquisto è possibile andare sul sito http://www.systemrequirementslab.com/referrer/srtest ed utilizzare il servizio “Can You Run It?” che vi permetterà di testare la possibilità di utilizzare sul vostro pc tutti i più popolari giochi sul mercato in pochissimo tempo, circa 1-2 minuti. Il database dei giochi è sempre aggiornato con le ultime novità ed il sistema è molto affidabile e testato; è molto comodo anche per vedere le caratteristiche del vostro pc che vi verranno mostrate nella finestra dei risultati che è divisa in due schermate, una con i requisiti minimi per far girare il gioco e l’altra con i requisiti consigliati.

Ecco un piccolo estratto dei giochi disponibili:

Testare se un gioco funziona Sul Pc
(Cliccate sull’immagine per ingrandirla)

Su webmasterpoint potete trovare alcuni dettagli sul funzionamento del servizio e delle semplici istruzioni in caso non riusciate a capire come utilizzarlo, anche se risulta davvero molto intuitivo. Su Area3ooo trovate invece alcune indicazioni su come interpretare meglio i risultati del test.

Se conoscete altri servizi di questo genere, o semplicemente volete esprimere ciò che pensate a riguardo, lasciate un commento all’articolo.

Social Network: Condividere da Blog Senza Codice (Es. WordPress.com)


In questo articolo spiegherò come dare la possibilità agli utenti del proprio blog di condividere i propri post. Chi utilizza wordpress.com o altre piattaforme che non permettono di inserire codice all’nterno dei propri post avrà notato la difficoltà nel poter dare la possibilità ai propri utenti di condividere in maniera semplice e veloce il proprio lavoro utilizzando i social network. Anche io mi sono trovato di fronte a questo problema e per questo ho deciso di creare un sistema che permetta di farlo. Tramite questa pagina è possibile condividere i propri articoli sui maggiori social network italiani e mondiali. Il sistema è utilizzabile anche da coloro che invece hanno la possibilità di inserire del codice all’interno delle pagine, per adattarlo a questo utilizzo si possono seguire queste indicazioni.

Ecco un’ immagine indicativa del servizio:

Condividi il tuo Articolo sui Social Network Facilmente(Cliccate sull’immagine per ingrandirla)

Per dare la possibilità ai propri utenti di utilizzare questo servizio basta solo inserire il link alla pagina indicata in precedenza, copiando ed incollando nella posizione desiderata del vostro articolo il seguente codice:

<img src="http://www.galileonews.it/Condividi/immagini/condividi.gif" alt="Mondo Libero" style="margin-right: 3px" /><a href="http://www.galileonews.it/Condividi/condividi.php" title="Condividi L'articolo sui Social Network"><b>Condividi</b></a>

Il codice va incollato all’interno della finestra dove potete visualizzare il codice html dell’articolo. Alla fine di questo post potete trovare il link ‘condividi’ che vi permetterà di vedere all’opera ciò di cui vi parlo. Purtroppo, almeno su wordpress.com, non sono riuscito a trovare il modo di inviare la segnalazione utilizzando il permalink (Link permanente) dell’articolo [Su altre piattaforme questo è possibile, segui queste indicazioni]. Per questo il sistema funziona appieno se il link di condivisione viene selezionato dalla pagina dell’articolo e non da pagine generali, quali homepage e pagine di categoria. In questo caso il link ed il titolo saranno quelli della pagina su cui si trova l’utente. Per ovviare a questo inconveniente ho aggiunto la possibilità di modificare in maniera semplice e veloce le informazioni, direttamente sulla pagina di segnalazione.
Volendo è possibile anche inserire manualmente il permalink alla segnalazione, potete seguire queste indicazioni. Se la vostra piattaforma vi permette di ottenere il link del vostro articolo (permalink) e/o il relativo titolo tramite un codice, potete seguire le indicazioni per aggiungere questi parametri in maniera dinamica alla segnalazione nei social network, in modo da non incorrere nell’eventualità di dover modificare i parametri al momento dell’invio. Il servizio è ancora in Beta, va perfezionato e testato, in ogni caso risulta già funzionante; per aiutarmi nello sviluppo ed apportare modifiche al sistema, fate riferimento alla lista che ho preparato.

Aiutatemi a Migliorare il Servizio

San Valentino per gli Amanti dell’Informatica: Sfondi, Screensaver…


San Valentino, il giorno degli innamorati, arriva per tutti, anche per coloro che amano l’informatica. Ecco che allora il web ci inonda di una miriade di regali fantastici: Presentazioni, Sfondi, Screensavers, Icone, Siti. Ho deciso di segnalarvi alcune risorse interesanti per farvi un regalo di San Valentino Hi-Tech.

  1. Presentazioni PowerPoint Modificabili

    Presentazione PowerPointScarica tante presentazione di Powerpoint modificabili ed adattabili alle tue esigenze da : http://www.presentationhelper.co.uk/
  2. Sfondi
    Qui di seguito trovate una raccolta di sfondi ispirati al giorno di San Valentino con il link per scaricarli:Muro AmoreScarica: LarissaMeek

    Amore San ValentinoScarica: Valentine Heart Entry

Leggende Metropolitane Universitarie o Verità?


Su internet si trovano una miriade di racconti e di storielle su ciò che avviene nelle università. Che si tratti di leggende metropolitane o di verità, solo chi ha avuto il piacere di assistervi lo sa con certezza. In ogni caso ho deciso di pubblicarne alcune che trovo particolarmente divertenti, che poi siano realmente accadute nei luoghi indicati in basso ad ogni episodio non so dirvi con certezza. (Ndr: Alcuni episodi potrebbero contenere Parole Non Adatte ai Più Piccoli)

Leggende Metropolitane Universitarie

EPISODIO 1:
Il docente consegna allo studente una lampadina e gli domanda: ‘Quanto consuma?’
Lo studente legge le scritte sulla lampadina e dice: ’60 Watt.’
Il docente allora gli dice: ‘No, in mano sua non consuma proprio un bel niente. Ritorni la prossima volta.’
(Attribuita ad un docente di Elettronica del Politecnico di Torino)

EPISODIO 2:
Esame di anatomia, scena muta sugli organi genitali femminili.
Il professore, sadicamente, dice con disprezzo allo studente: ‘Guardi, le do 20000 lire, lei stasera tardi và nella zona del porto e vedrà quante signorine le spiegano volentieri queste cose…’
Lo studente incassa (in tutti i sensi) e torna all’appello successivo.
Conquistato un soffertissimo 18 e firmato lo statino lo studente mette 10,000 in mano all’incredulo professore, commentando: ‘Sua moglie prende di meno.’
(Accaduta a: Genova, facoltà di Medicina. Una variante è attribuita anche al professor Trevisan, Analisi per Ingegneria, Università di Padova)

DeComprimere File Compressi Online e Gratuitamente


Ora non è più necessario possedere software per la decompressione di archivi, quali Winzip e PowerArchiver. Grazie a Wobzip infatti potrete decomprimere online i vostri file compressi. Per il momento è possibile decomprimere i seguenti formati: 7z, ZIP, GZIP, TAR, BZIP2, RAR, CAB, ARJ, Z, CPIO, RPM, DEB, LZH, SPLIT, CHM, ISO, file di una dimensione massima di 100 Mb e non protetti da password. E’ anche possibile decomprimere archivi presenti sul web segnalando semplicemente l’url. Penso che in futuro l’offerta sarà ampliata, da come si può intuire dallo slogan del sito, forse sarà anche possibile comprimere i propri file online. Wobzip è uno strumento molto utile per chi utilizza dei computer dove non è possibile installare software ed ha la necessità di decomprimere un file, inoltre i file sono anche controllati con l’antivirus Bitdefender. A questo indirizzo potete trovare delle istruzioni su come utilizzare questo ottimo strumento, anche se è davvero molto intuitivo.

Ecco un esempio del risultato della decompressione:

Esempio Decompressione Archivio Online

Aggiornamento del 20 Aprile 2008:

Il sito è stato completamente aggiornato ed è stato trasferito all’indirizzo http://wobzip.org/. Una delle novità più importanti che sono state introdotte è la possibilità di decomprimere anche file protetti da password. E’ stato aggiunto il supporto per la decompressione dei file LZHCHM e NSIS, la possibilità di lincare dal proprio sito un file zippato in modo che sia visualizzato decompresso tramite wobzip, scaricare i file tutti insieme e non più singolarmente, cancellare i file caricati ed i file decompressi. L’unica cosa negativa che ho riscontrato è che non c’è più traccia della possibilità di comprimere i propri file online, almeno per ora. Per tutti coloro che non amano questa nuova versione, è ancora disponibile la precedente a questo indirizzo.

Articoli Correlati:

Se conoscete altri servizi di questo genere aspetto le vostre segnalazioni, lasciate un commento all’articolo.