Sentimental di Mike Simpson, bella melodia


“Che film è?” mi è venuto spontaneo chiedere a questa scena (specificatamente a quella al 51° secondo del video sopra riportato), ascoltando il brano al pianoforte come sottofondo e guardando la scena stessa, che vi consiglio anche di guardare per intero nel video sopra riportato.

Una pressione sul tasto Info del telecomando…ed ecco la risposta: “Stick it“.

Facile poi trovare informazioni su questa melodia si semplice…ma che ho trovato molto bella: “Sentimental”, di Mike Simpson (sotto completa, dal canale youtube di Stacey Witt):

Buona vita.

 

ThePianoGuys e Beethoven ma non solo…


Certamente non è di oggi la mia passione per brani di Ludwig Van Beethoven come Moonlight. Alcuni giorni fa di questo brano ho visto la versione “ispirata dallo stesso” di “ThePianoGuys” dal video sopra riportato. Oggi facevo caso che in più momenti di questa giornata mi son ritrovato a canticchiare questa versione “moderna”…segno, a mio parere…che tanto male non è (ma questo già l’avevo notato, in realtà).

ThePianoGuys hanno nel tempo interpretato vari brani, tra i quali mi ha ad esempio colpito anche questo Waterfall: 

Stessa cosa posso dire ad esempio per questa versione di Mission Impossible.

Buona vita.

Modà a Sanremo 2013 con “Se si potesse non morire” ma presentando anche altro brano…


I Modà in questo Sanremo 2013 hanno presentato (classificandosi terzi) si il bel brano “Se si potesse non morire”, ma come secondo brano (poi scartato) hanno presentato in quelle serate anche il bel brano “Come l’acqua dentro il mare” (che vi consiglio di ascoltare dal link) che Francesco Silvestre (detto Kekko) ha dedicato alla figlia Gioia.

Mi ha positivamente colpito, tra gli altri aspetti, l’intervista fatta da alcuni critici musicali a Kekko il giorno successivo: a osservazione sull’aspetto “morbido”-tranquillo di loro brani…ha ricordato che loro sono un esempio per i giovani e non si possono mettere a fare i pazzi tanto per farlo…

Magari fossero contagiosi…

Buona vita.

Oltremare, un brano per augurarvi buona fine estate…


Mentre l’estate sta andando ormai verso il suo completamento, riascoltando questo bel brano (“Oltremare”) di Ludovico Einaudi mi è venuto spontaneo utilizzarlo per augurare buon fine estate a tutti voi.

Godetevi i giorni di sole come quelli che questo fine settimana prevede per ora di regalarci in quasi tutta Italia (si prevede sole anche in alcuni giorni  che verranno). Ricordate che l’inverno freddo è lungo…

Buona vita.

Ho capito perchè la Diana Tejera sa suonare benissimo “E fuori è buio” di Tiziano Ferro…


…ne è l’autrice, oltre essere una bravissima artista, come da giusta presentazione di Tiziano Ferro stesso:

Guardando gli ultimi secondi di questo video (e consultando Wikipedia e informazioni su internet poi) ho capito…

Ma andiamo con ordine: inizialmente vedendo alcuni video contenenti concerti dell’altra gran voce che risponde al nome di Paola Turci ero arrivato a questo video, con Paola Tejera come chitarrista

(adoro di questo video la parte da 1.31 ma questo è un altro discorso 🙂 ).

Tra le cose che mi hanno colpito…l'”attacco” iniziale alla chitarra nei secondi precedenti e successivi all’inizio di Paola Turci…molto preciso negli accordi, cosa rara quando avviene non con l’artista “originale” e la cosa è live-in diretta.  Ho pensato “brava!!!”. Qualcosa, questo si, mi era “ronzato” in mente alla battuta finale di Paola Turci sulle tonalità utilizzata, “tocca falle femminili”.

Trovando in rete altre sue interpretazioni secondo me molto belle, come “Scivoli di nuovo” (altro brano del quale è co-autrice per Tiziano Ferro ma questo l’ho constatato poco fa)

ho trovato anche la sua presentazione da parte di Tiziano Ferro, alla fine del primo video di questo articolo, confermata in Wikipedia e altri siti (ma quale fonte è più ufficiale su questo dello stesso Ferro 🙂 ). Consiglio anche la sua pagina Myspace con suoi brani (consiglio ad esempio “Ma una vita no“; la pagina  riporta il link http://www.dianatejera.it ad ora non attivo, speriamo che presto ritorni…o che comunque ci sia sempre un punto ufficiale per sapere “cosa crea” di bello…e che continui a farlo.

Buona vita.

Nina Zilli e il suo “Per sempre”, con tre sguardi verso l’alto…


Quando ho visto questo brano nell’ultimo Sanremo (prima serata dell’evento, rivisto poi in internet nel video sopra riportato) ho fatto caso nell’introduzione musicale a tre sguardi rivolti da Nina Zilli verso l’alto.

Forse tre pensieri a qualcuno, forse guardare qualcosa o qualcuno, forse sguardi casuali (ma dall’intensità escluderei quest’ultima); so solo che si tratta di una bravissima e bellissima cantante, che già conoscevo con l’interpretazione di “50mila” e che ho poi conosciuto ancor meglio per altri brani come “L’amore è femmina

e la bellissima “Non qui“.

Buona vita.

Canale Twitter di Nina Zilli
Pagina Facebook di Nina Zilli
Canale Youtube di Nina Zilli

Pace di Claudio Baglioni, un brano che non avevo presente….


Non avevo sinceramente presente questo brano, che ho molto apprezzato (generalmente mi colpiscono i brani che poi mi accorgo di riascoltare almeno per la seconda volta, quando come in questo caso avviene per diverse volte in più giorni consecutivi mi hanno “particolarmente colpito”). E ho apprezzato molto la versione sopra mostrata, sia perchè con audio  “dal vivo“, sia perchè con tastiera (che è quella che preferisco ancor di più rispetto a quella con chitarra), sia perchè leggere le parole scritte fa particolarmente riflettere sulle stesse.

“…Ed anche noi ci lasciamo qui,
fratello e non dobbiamo dirci niente
ci serve pure di arrivare li
per ripartire nuovamente.

Pace a me, che non so amare ancora
ciò che ho e non so, non amar quel che non ho
fermo sull’abisso tra il rischo e la paura
quel che non mi uccise
mi lasciò la forza di vivere…”.

Come ha giustamente riportato lo stesso Claudio Baglioni in un’intervista a RTL nel 2004 (interpretandola poi con la Chitarra) la pace prima ancor che fuori dobbiamo trovarla dentro di noi.

Altre interpretazioni di questo bel brano mi hanno colpito, come la Cover voce e piano di Zorama, questo estratto voce-piano di Giulio Spinucci

e questa interpretazione solo piano di Alessandro Silvestrelli:

Buona vita.