Neuroni specchio: empatia e socialità


Sono gli anni ‘90 quando nei laboratori di fisiologia dell’Università di Parma il neuroscienziato Giacomo Rizzolatti (in foto, tratta da Wikipedia) e il suo gruppo di ricerca, scoprono casualmente una nuova famiglia di cellule cerebrali denominata neuroni specchio.

La scoperta ha rivoluzionato il campo delle neuroscienze tanto da portare Ramachandran, noto neuroscienziato indiano, ad affermare che “I neuroni specchio saranno per la psicologia quello che il DNA è stato per la biologia”.

Collocati nella parte del cervello che si occupa di elaborare gli stimoli motori, tali neuroni hanno una duplice valenza, osservativa e esecutiva e perciò si attivano sia per cause sensoriali (quando il soggetto vede compiere l’azione) che per finalità motorie (quando il soggetto compie un’azione).

Più semplicemente, quando pur rimanendo immobili guardiamo accuratamente un’azione e riusciamo a comprenderla e a darle un senso specifico, è come se nel nostro cervello la ripetessimo, per questo tale classe di neuroni funzionano come uno specchio.

Secondo gli studiosi della materia, il sistema mirror ci permette una rapida visione di ciò che ci accade intorno, di entrare in empatia con le persone, di sentire emozioni, sentimenti ed intenzioni della psiche dei soggetti con cui interagiamo.

Attraverso quel meccanismo definito da Gallese di “simulazione incarnata”, si intuiscono e si vivono azioni, gesti, comportamenti delle persone, avvertendo automaticamente le emozioni a esse associate comprese le intuizioni e, creando le condizioni per entrare in piena sintonia con loro.

Del resto per il genere umano è naturale riconoscere i gesti delle altre persone, sentirne le sensazioni, vivere il loro stato d’animo come se fosse il proprio. Le emozioni sono contagiose, è più facile sorridere se vediamo sorridere, gioire se ci troviamo in presenza di persone allegre, essere violenti se esposti a comportamenti violenti.

È ciò che rende possibile i processi di identificazione con l’altro, rafforzando modelli e schemi di interazione e di riconoscimento. L’imitazione d’altro canto, offre valore agli insegnamenti morali e intellettuali favorendo l’integrazione familiare e sociale.

Alla luce di tali osservazioni possiamo certo affermare come i neuroni specchio siano capaci di creare un legame profondo, spontaneo e sincero teso ad unire il genere umano.

 

Empatia, l’arte di condividere emozioni


Tra le più ricche abilità sociali delle scienze umane, riveste particolare importanza l’empatia, ovvero quella competenza emotiva che permette di creare una forte intesa con la persona con cui si interagisce.

Essere empatici significa, dunque, avere la capacità di “mettersi nei panni dell’altro” cogliendo così facendo, il suo mondo interno (sensazioni e stati d’animo) eliminando ogni giudizio personale, permettendo conseguentemente lo sviluppo di una comunicazione interpersonale efficace e gratificante.

Il termine empatia (dal greco en “dentro”, e pathos “sentimento o sofferenza”) indicava originariamente il legame di partecipazione emotiva che legava l’autore-cantore al suo pubblico, oggi, ha assunto un significato psicologico in cui si attribuisce alla persona emotiva, la capacità di accettare e condividere l’emozione che l’altro vive, nonché, la capacità di comprendere le intenzioni ed i pensieri dell’altro, riuscendo a vedere la situazione che questi sta vivendo secondo la sua prospettiva. Il merito dell’introduzione del concetto di empatia in psicoanalisi va principalmente allo psicoanalista austriaco Heinz Kohut ma è stata anche oggetto di studio da parte dello psicologo statunitense e allievo di Jung, Marshall Rosenberg, Smith e Spencer, nonché, da Carl Rogers. Secondo quest’ultimo l’empatia era “la capacità di utilizzare gli strumenti della comunicazione verbale e non verbale per mettersi nei panni dell’altro identificandosi parzialmente nel suo mondo soggettivo nel contesto di un’accettazione autentica non giudicante”. Hoffman invece, definiva l’empatia come “un tratto di personalità od un tratto generale”.

L’intera comunità di psicoterapeuti e psicoanalisti già dall’inizio del secolo scorso, ha ribadito l’importanza che l’empatia gioca nelle relazioni interpersonali. A riguardo esistevano due scuole di pensiero; mentre per taluni psicoanalisti la componente emotiva dell’empatia era originata da motivazioni egoistiche generate da un disagio personale (l’osservatore attraverso la comprensione del disagio altrui cercava di esorcizzare il proprio dolore), per altri era caratterizzata da motivazioni altruistiche (in tal caso l’osservatore condivideva i sentimenti dell’altro e si attivava per creare le condizioni tali per migliorare il vissuto dell’osservato).

A partire dagli anni ’80 è stata abbracciata l’idea che l’empatia è un costrutto multicoponenziale in cui convivono la componente affettiva e cognitiva. E nel 1994 Davis ha proposto un approccio integrato in cui son presenti processi non cognitivi, cognitivi semplici e cognitivi avanzati; la componente cognitiva e quella emotiva perciò sono congiunte e si influenzano reciprocamente. Il suo modello multidimensionale prevede l’esistenza di un set costituito da quattro costrutti: l’abilità di adottare il punto di vista dell’altro (Perspective Taking), la propensione ad immaginarsi in circostanze fittizie rifacendosi a personaggi di serie tv, film, libri (Fantasia), la condivisione dell’esperienza emotiva altrui (Considerazione o preoccupazione empatica) e la consapevolezza dei propri stati di ansia in situazioni relazionali (Disagio Personale). Le prime due componenti riguardano le abilità cognitive, mentre le altre due si riferiscono alla reazione emotiva del soggetto.

Rifkin, economista e saggista statunitense, ritiene che l’uomo moderno è per natura predisposto all’empatia. Questi ha la capacità di identificarsi negli altri attraverso i cosiddetti neuroni specchio, ovvero cellule raggruppate soprattutto nella parte sinistra del cervello in grado di farci reagire alle azioni e ai propositi del soggetto con cui entriamo in relazione così da sentirne i dispiaceri, le felicità, gli sforzi. Gli studi recenti del neuroscienziato Rizzolati sui neuroni specchio, mostrano come l’atto di “mettersi nei panni di qualcuno” non proviene da uno sforzo intellettuale, ma deriva dal corredo genetico del genere umano e animale. L’idea di base è che non esiste un rapporto rilevante se non c’è empatia tra i soggetti coinvolti.

L’empatia, dunque, è una capacità complessa che presuppone anche una buona gestione delle proprie stesse emozioni. La persona empatica registra molti effetti benefici sulla propria salute e sulla propria qualità di vita. A scuola, ad esempio, gli studenti empatici sono maggiormente socievoli, meno aggressivi e più altruisti. Le persone empatiche divorziano di meno perché riescono a comprendere meglio i sentimenti dell’altro, e ancora, nei giochi di squadra si ha maggiore collaborazione e si registrano maggiori vittorie. Il meccanismo dell’empatia è una risorsa, poiché, non solo attiva il processo di apprendimento per imitazione (come fa un chitarrista nell’imparare un nuovo accordo) permette, altresì, di vivere e condividere più emozioni e sensazioni rendendo più soddisfacenti le relazioni più strette e migliorando la comunicazione familiare e non.

– Video articolo (tratto da canale youtube Giovanni B) è come riportato dal logo finale della Cleveland Clinic