Linkedin e la sua nuova interfaccia


Linkedin, noto social network del mondo lavoro/aziendale per gestire la propria “professional n etwork, sta cambiando progressivamente in tutti gli utenti la sua grafica e conseguentemente la sua interfaccia di utilizzo.

Il video sopra mostrato, dal suo canale youtube, ne evidenzia le particolari nove caratteristiche.

Il video di seguito riportato spiega, se può esservi utile, cos’è linkedin.

Buona vita.

Come aggiornare il proprio profilo Linkedin senza inviare notifiche


Vuoi_informare_modifica_profilo_linkedin_MondoliberoLinkedin, noto “professional-network” finalizzato appunto a a lavoro/business, permette  (nell’ambito del suo tenere in contatto  persone/ruoli/aziende) di informare i nostri contatti-collegamenti con la pubblicazione di aggiornamenti

Questi possono essere sia manuali (pubblicare informazioni, notizie di interesse comune, link utili etc.) o automatici: in questi ultimi per default-normalmente infatti ad esempio linkedin include variazioni che noi inseriamo sul nostro profilo (nostre nuove competenze, cambi lavorativi, formazione effettuata etc.) inviandoli per pubblica utilità nella lista informazioni dei nostri contatti, per aggiornarli giustamente.

In alcuni casi però (ad esempio nel caso di una piccola modifica o semplice correzione o perché vogliamo fare molte  piccole variazioni su molti aspetti di secondaria importanza del nostro profilo linkedin) potremmo voler fare uno specifico aggiornamento senza notificare la cosa immediatamente a tutti i contatti nella loro pagina, che potranno invece vederlo quando visualizzano semplicemente le nostre informazioni; questa impostazione di  “non notifica immediata agli altri” è possibile utilizzando il pulsante sopra mostrato, accessibile andando in alto in Linkedin alla voce “Profilo” per poi utilizzare l’interruttore mostrato “spegnendolo”.

In qualsiasi momento…potremo riattivare le notifiche tramite lo stesso interruttore.

Come indicato ad ora anche  nella Guida Linkedin, le notifiche automatica agli altri relative al nostro profilo possono anche essere disattivate e riattivate in qualsiasi momento anche da questa pagina, “spegnendo” l’interruttore/flag relativo (anche in questo caso potremo riattivarle quando vorremo).

Funzionalità/possibilità utile da conoscere, secondo me.

Buona vita.

MondoLibero Blog nei Social Network


RieccoMondoLiberoBlogci qui dopo qualche giorno di relax estivo, come anticipavo pochi giorni fa, a parlare intanto di uno degli argomenti previsti: il nostro Blog nei Social Network.

Chi è registrato su Facebook, Twitter e Google+ infatti…può seguirci agevolmente su questi canali attivando il “seguimi”-follow dalle pagine sotto indicate.  Nell’immagine di questo articolo il nostro logo.

A presto…e buona vita.

– MondoLiberoBlog su Twitter https://twitter.com/MondoliberoBlog
– MondoLiberoBlog su Google+: https://plus.google.com/111200536907225783581/posts
– MondoliberoBlog su Facebook: http://www.facebook.com/MondoLiberoBlog

Work like a network


Lavorare come una rete; bello questo video che ho visto nella pagina Microsoft ieri, presentato in questa pagina informativa; preceduto anche nei siti dove è stato riproposto da “It’s time to…” (E’ il momento di…).

Il concetto viene anche ripresentato da Microsoft nell’articolo “Work like a network! Enterprise social and the future of work“. Ma vi lascio al bel video sopra riportato, che mi ha colpito per l'”immediatezza” del messaggio, del concetto.

Buona vita.

Regole del Garante sulla privacy a scuola (da Ilsole24ore)


Dal Garante sulla Privacy, come riportato da articolo de Ilsole24ore, varie indicazioni sull’utilizzo di tablet e smartphone a scuola, criteri per la conservazione e utilizzo delle foto di gite scolastiche, il trattamento dei dati personali e molto altro.

E’ si vero che molte regole fanno parte del buon vivere (considerando che la libertà di ognuno finisce quando inizia quella degli altri) ma qualche specifica per stabilire il confine tra la condivisione (utile e importante) e il diffondere senza autorizzazione i dati degli altri è importante…male non fa.

Buona vita.

Sistema di bloggin Posterous acquisito da Twitter


Uno dei sistemi più diffusi per bloggare Posterous… e come tale utilizzato da me in alcuni ambienti/blog per sperimentare queste piattaforme di comunicazione.

E’ stato ieri acquisito da Twitter. Come da considerazioni di Andrea Contino nel suo blog, forse dovremo dire “ciao” a Posterous e magari diventerà un sistema di gestione informazioni utilizzato in un Twitter diverso da come lo vediamo oggi.

Era ed è una bella piattaforma (con un buon supporto oltretutto);  speriamo che l’eventuale perdita sia almeno vantaggiosa su altre vie…

Buona vita.

aNobii: splendido esempio di web 2.0 per gli amanti della lettura


aNobiiNei paesi anglosassoni viene spesso usato un epiteto per indicare chi passa molto tempo sui libri: “tarlo della carta” o, in latino, Anobium Punctatum. E’ da qui che prende il nome aNobii, social network dedicato ai libri ma soprattutto agli amanti della lettura.

Alzi la mano chi di voi può dire di non essersi mai lasciato consigliare o influenzare da un amico o da un conoscente riguardo all’acquisto o alla lettura di un libro.

Bene, aNobii è una rete sociale, nata nel 2005, che ha globalizzato il tipico “passaparola“: il servizio, gratuito, dà la possibilità infatti ad ogni utente di condividere con gli altri iscritti la propria “libreria virtuale” nella quale inserire, tramite un apposito motore di ricerca interno o addirittura tramite codice ISBN (il codice di 10 cifre che trovate su ogni libro), tutti i libri posseduti e/o letti. Ogni utente ha quindi la libertà di commentare, votare o recensire un libro della sua libreria o di visualizzare quello che fanno gli altri utenti.

Si creano così, a seconda dei gusti, varie e diverse librerie: aNobii quindi calcola automaticamente il “grado di compatibilità” fra ogni utente, evidenziando quali tra i vari lettori siano più vicini tra loro. Ne consegue che si creano delle comunità, o “gruppi”, di utenti con gli stessi gusti, tra la quale aNobii permette tra l’altro lo scambio o la vendita di libri.

L’idea di fondo è, a mia opinione, geniale: personalmente, quando sono in ricerca della mia prossima lettura, mi rivolgo sempre più spesso ad aNobii, e alle migliaia di recensioni e classifiche stilate dagli utenti stessi. Mi faccio consigliare da un “vicino” che ha magari gusti simili ai miei, oppure chiedo un parere ad un gruppo che mi dà indicazione su quale sia il miglior libro di quel genere o di quell’autore e aggiungo il libro alla mia “lista dei desideri”. Da buon “social network”, poi, non posso negare di avere fatto delle belle conoscenze, che ho aggiunto alla mia lista di “amici”.

Il servizio si integra a Facebook e Twitter, così da poter condividere le proprie librerie o i propri libri in lettura con i più famosi Social Network. Inoltre sono state da poco create le app per iPhone e Android, grazie alla quale per inserire un libro nella propria libreria basta soltanto scattare una foto al codice a barre del libro.

Per concludere quindi, aNobii è uno strumento molto utile per chi, come me, piace leggere e condividere le proprie esperienze, per chi ha bisogno di un consiglio per un acquisto o magari per un regalo e per chi, semplicemente, ha voglia di fare nuove “amicizie letterarie”: a proposito, se vorrete dare un’occhiata al sito, il mio profilo si trova qui. Aggiungetemi!