MondoLibero Blog nei Social Network


RieccoMondoLiberoBlogci qui dopo qualche giorno di relax estivo, come anticipavo pochi giorni fa, a parlare intanto di uno degli argomenti previsti: il nostro Blog nei Social Network.

Chi è registrato su Facebook, Twitter e Google+ infatti…può seguirci agevolmente su questi canali attivando il “seguimi”-follow dalle pagine sotto indicate.  Nell’immagine di questo articolo il nostro logo.

A presto…e buona vita.

– MondoLiberoBlog su Twitter https://twitter.com/MondoliberoBlog
– MondoLiberoBlog su Google+: https://plus.google.com/111200536907225783581/posts
– MondoliberoBlog su Facebook: http://www.facebook.com/MondoLiberoBlog

Contz, la sua passione per la comunicazione e…


Ricordo quando ho conosciuto Andrea Contino; la mia conoscenza web di questo grandissimo appassionato di comunicazione risale a diversi anni fa, se non faccio confusione grazie alla web-chat del suo sito di allora.

Da appassionato di informatica e tecnologia quale sono (un amico  disse di me certamente non a caso “se volete fargli un dispetto toglietegli la tastiera”) penso di poter dire anche caratterialmente di riconoscere “a pelle” la “passione informatica” quando la incrocio in altre persone . E lui sicuramente è un appassionato di tutto ciò che è comunicazione.

Lo trasmette in tutto ciò che scrive Contz (questo il suo “nome digitale” in rete), come la sua passione per il mondo games, come spiega in modo chiaro nella sua pagina About me del suo sito che vi consiglio di frequentare.

Comunicazione naturalmente comprende anche il confrontarsi, come ad esempio da sua bella iniziativa “Dimmi perchè blogghi” della quale avevo già parlato nel 2010 e che poi si è evoluta da twitter a quanto mostrato per ora qui.

Ho trovato geniale e molto simpatico questo video realizzato dal progetto ILoveBeer.it (portale sulla cultura della birra in Italia)…naturalmente con Andrea come spiegato nel suo articolo.

Lascio il bel video sopra riportato alla vostra visione…

Buona vita.

Sito Contino.com

Problemi di accesso a Linkedin del 20 giugno, i DNS…e informazioni utili


Linkedin_Twitter_MondoliberoLinkedin: parliamo di sito-rete sociale, impiegato per contatti professionali. Spiegazione pratica in questo video su youtube di 2 minuti. Un sistema per “rimanere in contatto” con riferimenti professionali desiderati e conosciuti…indipendentemente da azienda di appartenenza e indipendentemente dalla conoscenza del loro indirizzo  mail.

Ieri chi è registrato e “member”-appartenente  del sito avrà quanto meno sentito – o notato in prima persona – problemi nell’utilizzo. La stessa azienda ha parlato ieri anche nel suo canale Twitter  di problemi dovuti a DNS:

Ma cos’è questo DNS? Per chi è pratico di IT è un termine conosciuto, ma andiamo a spiegarlo…Domain Name System, sistema esterno ai siti che determina l’abbinamento tra il nome di un sito facile da ricordare e l’indirizzo del sito originale numerico (detto “Indirizzo IP”) composto da 4 cifre, ad esempio 201.48.37.4; il DNS al suo interno ha registrato l’abbinamento al nome descrittivo qualcosa.it o nome.com o sito.net…

In pratica quando noi inseriamo il sito nel quale vogliamo “andare” su internet (uno a caso https://mondolibero.wordpress.com ad esempio 🙂 ) dei DNS su internet associano questo nome al suo indirizzo reale numerico per far capire alla rete “dove si trova”). Altre informazioni dettagliate su DNS le trovate ad esempio su pagina Wikipedia.

Da quello che risulta da alcuni articoli come quello de La Stampa (che consiglio di leggere fino in fondo…), in una fase della giornata di ieri questi DNS riportavano a molti utilizzatori che Linkedin era…”da un’altra parte”, in un altro indirizzo. Il dubbio che viene è…quale parte era?

L’indirizzamento è stato involontario o volontario? Linkedin ad ora esclude attività malevole); se fosse stato volontario da parte di qualcuno…c’è chi ipotizza giustamente  rischi di sicurezza in caso di utilizzo in quella fase da computer o dispositivo mobile (smartphone-tablet…).

Ma son stati rilevati da utilizzatori altri problemi (richiesta di password quando questa era stata precedentemente registrata, notifica di mail non confermata – pressione di link a mail ricevuta, standard di sicurezza di siti come linkedin –  quando questo invece era stato fatto in passato….etc). Anche questo problema tecnicamente potrebbe essere stato un effetto imprevisto in un’attività di manutenzione-aggiornamento del loro sistema; “ad ora” anche su loro sito escludono compromissione dei dati.

Consigli validi sempre sulla sicurezza:

  • Cambiare periodicamente le proprie password (anche specificatamente in casi strani o dubbi come questo)
  • non prendere per “oro colato” mail di notifica da siti (specialmente se contenenti link che richiedono password), chiedere o informarsi nei sito corrispondente nel dubbio e/o con amici – su internet

Ho comunque aperto una segnalazione  sul sito linkedin dall’ottima pagina di supporto; vi terremo aggiornati

Dubbi o domande…la parte commenti in basso è a vostra disposizione.

Buona vita.

Immagine articolo tratta da Canale Twitter di Linkedin.

Ciao Posterous….


Posterous

Il 30 aprile 2013, come da giorni pubblicato sul blog della nota piattaforma di blogging, chiude il sistema Posterous.

Nato nel 2008 (dal luglio di quell’anno avevo un mio blog su questa piattaforma), si era distinto in modo notevole per l’efficace inserimento di funzioni come l’inserimento di articoli sia in formato “Editor”-WP sia in formato html e l’invio di articoli in modo automatico via mail.

Come riportato nel Comunicato il sistema chiude dopo l’avvenuta acquisizione da parte di Twitter

“in order to focus 100% of our efforts on Twitter”

(“al fine di concentrarsi al 100% dei nostri sforzi su Twitter”). Un gran peccato a mio parere, era un sistema davvero efficace e pratico.

Chi aveva un blog-sito sul sistema può utilizzare fino al 31 maggio una funzione di backup-copia disponibile su Posterous stesso accedendo con propria utenza. I blog comunque saranno comunque non raggiungibili via web, come riportato nel sito stesso, già dal 30 aprile 2013.

Speriamo  davvero che le tecnologie-sistemi che conteneva Posterous vengano applicati almeno altrove.

Buona vita

Twitter rete sociale? No, più che altro una rete di informazione…


Claudio Gagliardini spiega in modo secondo me chiaro il sistema Twitter, tra consigli (usarlo con intelligenza con ad esempio il tipo di contenuto)-metodi di utilizzo e considerazioni-constatazioni.

Si parla di un sistema che io apprezzo molto, sia nel mondo “computer” che nel mondo mobile (i client su cellulare-tablet li trovo decisamente pratici) per essere “informati” e/o informare…senza dimenticare, come giustamente citato, l’importanza dell’ascolto.

Qui per chi non lo conosce…una breve guida di 4 minuti sul servizio gratuito Twitter

in inglese ma ben comprensibile a tutti penso, altrimenti…siam qua :). Torneremo comunque su questo importante sistema di comunicazione…

Buona vita (informatica e non) a tutti…

Riferimenti di Claudio Gagliardini:

Sito: http://www.claudiogagliardini.it/

Twitter: https://twitter.com/Cla_Gagliardini

Sistema di bloggin Posterous acquisito da Twitter


Uno dei sistemi più diffusi per bloggare Posterous… e come tale utilizzato da me in alcuni ambienti/blog per sperimentare queste piattaforme di comunicazione.

E’ stato ieri acquisito da Twitter. Come da considerazioni di Andrea Contino nel suo blog, forse dovremo dire “ciao” a Posterous e magari diventerà un sistema di gestione informazioni utilizzato in un Twitter diverso da come lo vediamo oggi.

Era ed è una bella piattaforma (con un buon supporto oltretutto);  speriamo che l’eventuale perdita sia almeno vantaggiosa su altre vie…

Buona vita.

Dimmi perchè blogghi (in 140 caratteri)


Dimmi perchè blogghi in 140 caratteriHo trovato sempre difficile il descrivere la “causa” della volontà di bloggare e la stima verso chi lo fa; comunicare, condividere, un istinto.

Mi ha colpito indubbiamente la sfida di Andrea Contino (Contz, contino.com) in questo nuovo Dimmi perchè blogghi…in 140 caratteri.

Dal suo canale twitter possiamo “dire la nostra”  rispondendo al “twit” e descrivere questa voglia di comunicare, di convidere, di trasmettere.

Buona vita (informatica e non) a tutti.